A sample text widget

Etiam pulvinar consectetur dolor sed malesuada. Ut convallis euismod dolor nec pretium. Nunc ut tristique massa.

Nam sodales mi vitae dolor ullamcorper et vulputate enim accumsan. Morbi orci magna, tincidunt vitae molestie nec, molestie at mi. Nulla nulla lorem, suscipit in posuere in, interdum non magna.

Piattaforme territoriali e scenari abitativi

Sintesi SIU Miitt

“Piattaforme territoriali e scenari abitativi”, in A. Clementi, a cura di,
Reti e territori al futuro. materiali per una visione,
Roma, Società italiana degli urbanisti,
rapporto per Dicoter, Ministero delle Infrastrutture, 2007.

In questa nota si riassumono alcune considerazioni sulla dimensione territoriale della questione abitativa, più ampiamente esposte negli allegati (2) che contengono altre informazioni, in parte diverse, ma complementari a quanto segue.

Scenari abitativi per l'ItaliaCome è noto, la recente diffusione abitativa al di fuori dei confini delle maggiori aree metropolitane ha portato a combinazioni insediative molto differenti nelle diverse ripartizioni territoriali del paese.

Scopo di questo lavoro è porre a confronto la nuova geografia metropolitana dei sistemi abitativi con le dinamiche ‘disgiunte’ del settore edilizio e delle abitazioni. Le pagine che seguono cercano infatti di descrivere gli scenari abitativi, integrando nella misura del possibile le riflessioni sulla articolazione territoriale, le dinamiche della residenza e la variazione degli occupati.

Le principali osservazioni sono le seguenti:

  • forse non è più possibile parlare di un sistema abitativo unitario, per la radicale disgiunzione tra politiche, pratiche d’uso, investimenti finanziari, ambiti che spesso procedono ciascun per conto proprio;

  • la dispersione abitativa e l’organizzazione di regione urbane vaste sono i binari su cui si modellano situazioni abitative differenti;

  • ne sono esempi la rivalutazione finanziaria degli immobili nelle città centrali, l’intensa espansione delle corone metropolitane, la perdurante scarsità di alloggio sia pur in ambiti territoriali limitati, il declino di vaste aree del sud e di prima industrializzazione;

  • le piattaforme territoriali risultano miste, dal punto di vista delle condizioni abitative; in particolare, sono compresenti ambiti urbani e territori produttivi diversi anche per il modo di regolazione dei mercati abitativi, ma interdipendenti per dinamiche più generali; tale situazione differenziata non dispone però di programmi e misure adeguate (del tipo programmi sovracomunali per la casa, come già avviene in altri paesi);

  • si aprono allora degli scenari dove la crescita dei territori è limitata dalle diverse situazioni problematiche riscontrate dal punto di vista abitativo (di costo, di surriscaldamento, di scarsità), che introducono anche rigidità sul mercato del lavoro e usurano, nel lungo periodo, il grado di coesione sociale.

Sintesi del lavoro condotto dall’autore con A. P. Di Risio, G. Longo e di S. Lucciarini per la ricerca Siu Miit 2007.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>