A sample text widget

Etiam pulvinar consectetur dolor sed malesuada. Ut convallis euismod dolor nec pretium. Nunc ut tristique massa.

Nam sodales mi vitae dolor ullamcorper et vulputate enim accumsan. Morbi orci magna, tincidunt vitae molestie nec, molestie at mi. Nulla nulla lorem, suscipit in posuere in, interdum non magna.

La pianificazione del liberismo

La pianificazione moderna e le politiche per le città sono state caratterizzate nel secolo scorso da principi e finalità congruenti ad un’epoca di grandi crisi e grandi riforme, e dal presupposto di una presenza e investimento costante dello stato.

In rapida successione, a partire dagli anni Settanta, una serie di revisioni ha alterato profondamente questo sistema. Il modello liberalista ha imposto -in maggior o minore misura in tutto il mondo- il ritiro dello stato, un ritorno al mercato e soprattutto al principio di competitività. Le politiche sociali e urbane vengono riformulate non più come compensazione dell’ineguaglianza, ma come politiche di potenziamento sociale ai nuovi fini competitivi.

Questo riposizionamento ideologico e operativo non è avvenuto senza ambiguità. A livello generale, e di ricerca politologica, la ‘terza via’ testimonia della possibilità di incroci apparentemente inediti, ma anche delle difficoltà applicative.

Dal punto di vista pratico e delle politiche realizzate, la realtà è diversa e forse più interessante. Nelle politiche locali, in particolare, tra il modello delle politiche pubbliche di stampo riformista e quelle di stampo liberista sono in corso interessanti ibridazioni, tanto che Donzelot ha parlato di un “‘inflessione” sociale del neo-liberismo.

Questo esito viene qui esplorato, con attenzione critica ma anche con lo scopo di ricostruire possibili alternative, a partire dal alcuni questioni rilevanti per il cambiamento urbano in questo frangente storico. Inoltre, dal punto di vista delle politiche locali si evidenziano i limiti e le possibilità di questa congiuntura del neoliberismo.

Il libro qui presentato e’ un esperimento virtuale. Si compone di due parti, che raccolgono pezzi pubblicati in tutto o in parte in altre occasioni, e li ricollega idealmente in un filo argomentativo unitario.

La prima espone la congiuntura delle politiche urbane alla luce degli indirizzi neoliberisti correnti, ed esamina un nucleo di questioni generali; la seconda illustra temi e problemi emergenti nella applicazione delle politiche.

Sommario

0. Città senza cittadini

Parte I. Un nuovo orizzonte

1. Neoliberismo e politiche urbane
2. Limiti del riformismo
3. L’innovazione dell’Europa
4. Disordine e illegalità
5. Il coinvolgimento degli abitanti

Parte II. Temi e problemi emergenti

6. Quartieri che cambiano
7. Spazio pubblico
8. Policentrismo territoriale
9. Piattaforme abitative
10. La creatività urbana
11. Riqualificazione e rigenerazione

Comments are closed.